fungus

the face of evil

“Esistono album che ti rapiscono sin dai primi ascolti. Ed altri, invece, che si dimenticano subito dopo averli tolti dal lettore. “The Face Of Evil”, terzo lavoro per i nostrani Fungus, è sicuramente un piccolo gioiello sonoro che, difficilmente, riusciremo a riporre in un polveroso e dimenticato porta CD. Sei sono le anime artistiche alla base di questo lavoro, infinite le cangianti combinazioni sonore che animano “The Face Of Evil”. Nello specifico, le influenze musicali di maggior peso sembrano arrivare sia dagli anni ’60 che, soprattutto, dai ’70. Il sound, gli arrangiamenti, le interessanti influenze prog e un po’ tutto il mood generale dell’album sembra, infatti, catapultare l’ascoltatore indietro nel tempo, davanti ad un polveroso scaffale di LP o in un qualsiasi negozio musicale dell’epoca. In sottofondo, si possono ascoltare le varie ‘Gentle Season’, ‘Rain’ o l’iniziale titletrack, che mutualmente ci regalano momenti rock, attimi di passione prog, pop e, in linea di massima, sensazioni elegantemente meste e disincantate. Dai toni perennemente plumbei, “The Face Of Evil” ha il grande pregio di trasformare questa malinconica verve compositiva in soluzioni musicali sempre interessanti e mai banali, pronte a sorprendere l’ascoltatore con escamotage stilistici davvero esemplari e linee vocali di elevato spessore. A tratti quasi cantautorale nella forma, questo è un lavoro in cui eleganza stilistica e passione vintage si fondono in un percorso tanto eterogeneo e imprevedibile quanto riuscito e perfettamente coerente. In altre parole, un disco di eccezionale levatura.”

2011

BloodRock Records

Recording, mix, mastering, artwork

Progressive, rock, psichedelic

Related Projects
  • notturno
    notturno
    Artwork Mastering Mix Music production Recording
  • edgar cafè
    edgar cafè
    Artwork Mastering Mix Music production Recording
  • abysmal grief
    abysmal grief
    Mastering Mix Recording
  • zaal
    zaal
    Mastering Mix Music production Recording