audiograffiti

until sunrise drops lunatically minor rays

È jazz, è rap, è blues, è funky, è la voce maschile che si intreccia con quella femminile, è la sezione fiati, è la percussione, è il basso che muove l’universo. Tutto fila liscio e perfetto, come una parabola, o un arcobaleno. “Black Rainbow”, appunto. È il “get to the one” del funky, che collega i ritmi dell’Africa occidentale al sound contemporaneo di D’Angelo, passando –e qui cito le influenze più chiare della band- per il bebop di Charlie Parker, la jazz poetry militante diGil Scott Heron e dei Last Poets, il jazz sporco di Herbie Hancock, certo rap à la De La Soul e l’acid jazz di Galliano e Young Disciples.
Eredità pesanti, spesso pesantissime, con le quali gli AudioGraffiti hanno deciso di confrontarsi, ma, ed è quello che in modo limpidissimo emerge da quest’album, senz’altro le loro spalle sono abbastanza larghe e forti per poterle reggere.

2015

Live recording, mix, mastering

Funk, nusoul, rnb

Related Projects
  • notturno
    notturno
    Artwork Mastering Mix Music production Recording
  • edgar cafè
    edgar cafè
    Artwork Mastering Mix Music production Recording
  • abysmal grief
    abysmal grief
    Mastering Mix Recording
  • zaal
    zaal
    Mastering Mix Music production Recording